Morosini e il BLSD, questo sconosciuto

Nella città nella quale lavoro, spiace dirlo, ma il BLSD…questo sconosciuto. RCP di qualità e defibrillazione precoce….ma dov’è???

Erano presenti medici sportivi, un equipaggio di emergenza, un defibrillatore, addirittura un primario di emodinamica. Cosa dicono le linee guida? Che la cosa fondamentale è iniziare immediatamente le compressioni toraciche e NON INTERROMPERLE MAI. L’interruzione delle compressioni toraciche è talmente deleteria che le linee guida suggeriscono, ove possibile, di iniziare nuovamente le compressioni durante la carica del defibrillatore e prima della scarica. Cosa dicono le linee guida? Appena disponibile un defibrillatore, scaricare immediatamente e riprendere immediatamente le compressioni toraciche

Eravamo in mezzo ad un campo con migliaia di persone e la TV. Embè, per questo facciamo tutto sbagliato? Il defibrillatore poteva essere attaccato dopo uno o due minuti, quando è stato attaccato? Dentro l’ambulanza? Dopo cinque, sei o più minuti?

Questo è il video di una parte dell’evento.

Questo è l’algoritmo della rianimazione cardiopolmonare avanzata secondo le linee guida ILCOR 2010

Algoritmo-ALS-2010Vi voglio solo far notare che, se in uno schema sintetico troviamo scritto più volte: “Ridurre al minimo le interruzioni”, “riprendere immediatamente la RCP (rianimazione cardio polmonare)”, “garantire RCP di ALTA qualità”, “somministrare ossigeno” un qualche motivo ci sarà.

Nel caso di Morosini, avete visto fare qualcosa di questo schema sopra che, con lievi differenze, tutti i soccorritori devono seguire? No, a parte qualche compressione sul torace giusto perchè sembra brutto non farle, sembra che la cosa più importante sia stata: “Carichiamolo in ambulanza e andiamo via”.

Cosa bisognava invece fare: “Massaggiare e defibrillare, massaggiare e defibrillare, massaggiare e defibrillare” finchè non arrivava un medico con la parte farmacologica ma sempre continuando a “massaggiare e defibrillare”.

Capita spesso di arrivare su un arresto cardiaco dopo oltre dieci minuti, quando, spesso, non c’è più niente da fare eppure massaggiamo e defibrilliamo per dieci, venti e anche un’ora e mi fa rabbia vedere casi in cui c’era la possibilità di tentare almeno di fare qualcosa e non farla. Magari non c’era lo stesso niente da fare, magari l’autopsia rileverà un’aneurisma o una dissezione aortica ma fa rabbia vedere che non c’hanno neanche provato.

E vogliamo parlare dell’auto dei vigili che ha bloccato l’ingresso dell’ambulanza. Sono daccordo sull’inciviltà ma, in questo caso, non avrebbe cambiato nulla perchè l’ambulanza serviva molto ma molto dopo, dopo dieci, venti, mezz’ora e anche più di RCP e defibrillatore. Forse Pescara è rimasta indietro a 20 anni fà ma lo “scoop e run” il prendilo e portalo via il più presto possibile non esiste più. Ora si tenta di stabilizzare il paziente in situ e solo quando dopo, ma molto dopo si opta per una, questa volta si inutile, corsa verso il pronto soccorso.

E’ triste morire cosi giovani, ma è altrettanto triste vedere professionisti o presunti tali che o vanno nel pallone o non sanno veramente cosa fare.

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi